In offerta!
333. La formula segreta di Dante

333. La formula segreta di Dante

€ 5,90 € 5,02

Ordinabile

  • ISBN: 9788854150287
  • Autore:Roberto Masello
  • Editore:Newton Compton
  • Edizione:2013

Descrizione

Firenze, prima metà del Cinquecento, in una notte di luna piena e la città è avvolta nel silenzio. Benvenuto Cellini sta invocando gli spiriti affinché gli rivelino il modo per conquistare l’immortalità, quando all’improvviso il fantasma di Dante Alighieri gli appare in una visione. Quattro secoli più tardi, a Chicago, David Franco, un giovane e brillante studioso della Newberry Library, incontra una donna misteriosa, la ricca vedova Kathryn Van Owen, che gli consegna un antico manoscritto che sembra appartenere proprio a Benvenuto Cellini. Nell’opera, intitolata “La chiave alla vita eterna”, il noto artista fiorentino, appassionato di arti occulte, descrive dettagliatamente una sua sconosciuta creazione, La Medusa: uno specchio d’argento che ha il potere di rendere immortali. La signora Van Owen è convinta che l’amuleto esista davvero e incarica David di trovarlo in cambio di una ricompensa di un milione di dollari… Quel che David ignora però è che altri studiosi, prima di lui, hanno miseramente fallito nell’impresa e che l’ultimo è morto in circostanze poco chiare. Cli indizi che possiede lo conducono prima a Firenze, poi in Francia, ma a ogni nuovo passo lo studioso sente che qualcuno vuole impedirgli di portare a termine la sua missione. Grazie all’aiuto di un’affascinante guida turistica e alle estenuanti ricerche tra volumi dimenticati e antiche biblioteche, David si renderà conto che la ricerca dell’amuleto nasconde un segreto sconvolgente e che l’unico modo per uscirne vivi è non voltarsi mai.

Roberto Masello
Newton Compton
2013
9788854150287

  • si apud bibliothecam hortulum habes, nihil deerit
    Cicerone
  • Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quello che deve dire.
    Italo Calvino
  • Senza un occhio che lo legga, un libro reca segni che non producono concetti, e quindi è muto
    Umberto Eco