In offerta!
All access. Il mondo del rock nelle foto di Ken Regan

All access. Il mondo del rock nelle foto di Ken Regan

€ 45,00 € 38,25

Ordinabile

  • ISBN: 9788863048728
  • Autore:Ken Regan,Jim Jerome
  • Editore:Panini Comics
  • Edizione:2013

Descrizione

Ken Regan si dedica appassionatamente al rock sin dagli anni 60, fotografando i più grandi nomi della scena musicale. Nel 1975 accompagna in tour sia i Rolling Stones che Bob Dylan. Tra i tanti festival ed eventi rock che ha immortalato ci sono Woodstock, l’Ultimo Valzer della Band e il concerto per il Bangladesh di George Harrison. Oltre alla sua straordinaria capacità di essere sempre al posto giusto nel momento giusto, è grazie al talento dimostrato che Regan viene scelto per essere il fotografo ufficiale del Live Aid e di altri avvenimenti epocali nel corso della storia del rock. Lavorando al fianco del celebre promoter Bill Graham durante concerti come quelli di Amnesty International ha catturato il lato umano delle rockstar, quello spesso più nascosto. “All access” raccoglie i migliori scatti di Regan, fotografie intime e rarissime realizzate in oltre quarant’anni di carriera. Tra i musicisti in questo volume: Joan Baez, Roy Orbison, The Beatles, Robert Plant, Chuck Berry, Elvis Presley, Johnny Cash, Prince, The Doors, The Rolling Stones, Bob Dylan, Carly Simon, Eagles, Sting, Billy Joel, James Taylor, Janis Joplin, U2, Jerry Lee Lewis, Neil Young, Madonna… e molti altri! Con oltre trecento immagini senza tempo, “All access” getta uno sguardo ravvicinato e intimo sugli eventi, i protagonisti e i momenti indimenticabili che hanno segnato la storia della musica. Prefazione di Keith Richards, introduzione di Mick Jagger, postfazione di James Taylor.

Ken Regan,Jim Jerome
Panini Comics
2013
9788863048728

  • si apud bibliothecam hortulum habes, nihil deerit
    Cicerone
  • Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quello che deve dire.
    Italo Calvino
  • Senza un occhio che lo legga, un libro reca segni che non producono concetti, e quindi è muto
    Umberto Eco